Agenzie Riunite e Dotlog utilizzano l’avanzato software GSPED per l’esecuzione dei trasporti Lampoon
TESTO
CRONACHE
TAG
SFOGLIA
CONDIVIDI
Facebook
WhatsApp
Pinterest
LinkedIn
Email
Twitter

Come diminuire l’impatto ambientale dell’industria logistica

Spedizioni in punti di ritiro, lockers, riduzione di CO2 e alimentazione da energia rinnovabile: interviene Francesco Binfaré, alla guida di Agenzie Riunite per logistica integrata

Spedizioni in punti di ritiro: meno emissioni di Co2

«La collaborazione con Alfred Network è stata avviata nel 2018, quando da poco eravamo entrati nel mondo dell’e-commerce» – racconta Francesco Binfaré. «Si tratta di un applicativo che può essere selezionato al momento del checkout dell’ordine: nell’indirizzo di spedizione si può specificare, tramite la piattaforma Alfred, uno delle migliaia di punti vendita affiliati ad Alfred (negozi o edicole) in tutta Italia, riducendo così l’impatto ambientale dei trasporti. Questa azione di ottimizzazione del servizio può essere compiuta sia in fase di spedizione verso il consumatore che in fase di reso al servizio di logistica o al brand. In aggiunta ai punti vendita affiliati, si sta progettando l’installazione di locker in tutta Italia, che permetteranno ai clienti di scegliere se optare per il contatto umano o meno, offrendo gli stessi vantaggi dei punti di ritiro in merito alla sostenibilità. Alfred permette di stampare le lettere di vettura: viene correlato con l’ecommerce del cliente e in automatico con l’ordine è possibile stampare le lettere di vettura». In Italia sono attivi 6.500 punti di ritiro affiliati Alfred, ed è prevista una crescita di altri 5.000 entro dicembre 202. Grazie all’utilizzo di punti di ritiro e lockers si stima che per 1.000 pacchi consegnati sia previsto l’utilizzo di soli 4 mezzi anziché 17, eliminando così consegne fallite, riducendo il numero di viaggi, così come la CO2 emessa e i costi. A oggi si sta testando il primo van elettrico e le buste plastic free per la gestione dei resi (attraverso i punti ritiro). 

Lampoon interview: Francesco Binfaré di Agenzie Riunite

«I nostri servizi di logistica sono integrati tramite sistemi informatici. L’energia necessaria arriva dai pannelli fotovoltaici installati e lo scambio energetico avviene in loco». L’impianto fotovoltaico da 100 kw è stato installato nel 2013. Si produce energia per circa 115.000 Kwh ogni anno, di cui la maggior parte è consumata direttamente dall’azienda. La parte rimanente è venduta a terzi. Per produrre un kWh elettrico sono bruciati mediamente l’equivalente di 2,56 kWh sotto forma di combustibili fossili e di conseguenza emessi nell’aria circa 0,65 kg di anidride carbonica. Tramite all’utilizzo pannelli, 65 tonnellate di CO2 non sono prodotte, portando s una riduzione delle emissioni. Il packaging utilizzato nelle spedizioni proviene da un fornitore esterno, GIFCO: (Gruppo Italiano Fabbricanti Cartone Ondulato), che disciplina le linee guida a livello nazionale su tutto ciò che è materia imballaggi in cartone.

«Tanto i box delle spedizioni quanto il materiale riempitivo al loro interno sono in carta e cartone parzialmente riciclato e al 100% riciclabile. In una prima fase per il materiale riempitivo ci servivamo di carta di giornale macerata, recuperata e riutilizzata, tuttavia è stata accantonata a causa dell’inchiostro che macchiava. Attualmente, dunque, ci serviamo di carta Kraft completamente riciclabile. Il nastro è in carta avana ecologico al 100% e completamente riciclabile; infatti, il quantitativo di colla presente sul nastro è talmente ridotto da non avere incidenza nel processo di riciclo. In questo modo, l’intero imballaggio (box, materiale riempitivo e nastro) non deve essere differenziato dal cliente, ma si può gettare interamente con la carta». A partire da settembre, gli imballaggi e la label saranno certificati FSC. A richiesta del produttore, Agenzie Riunite può fornire etichette in carta eco-compostabile, ovvero che possono essere smaltite direttamente nel cestino dell’umido insieme al suo imballo. Anche il cellofan utilizzato negli imballaggi è ottenuto a partire da materiale riciclato. Infine, le fatture emesse da Agenzie Riunite sono Paperless. 

Dropshopping- Il venditore vende un prodotto ad un utente finale, senza possederlo materialmente nel proprio magazzino
Dropshopping: Il venditore vende un prodotto ad un utente finale, senza possederlo materialmente nel proprio magazzino

Agenzie riunite e Sustainable Brand Platform

Agenzie Riunite collabora con Sustainable Brand Platform, piattaforma digitale lanciata nel 2020 da Idee Brand Platform (una piattaforma di servizi che assiste marchi internazionali del mondo fashion e design nelle aree di consulenza strategica e gestionale, sviluppo commerciale e distribuzione) che permette di valutare il livello di sostenibilità dei brand della moda in varie categorie e comunicarlo poi ai clienti sulle proprie piattaforme. Lo scopo è, da una parte, quello di rendere il consumatore consapevole dell’impatto ambientale delle sue scelte, dall’altra quello di permettere ai brand di conoscere i loro punti di forza di debolezza in termini di sostenibilità, e implementare strategie mirate. Sustainable Brand Platform rientra tra i progetti approvati dalla Sustainable Development Goals Partnerships Platform delle Nazioni Unite, nella categoria Conscious Fashion & Lifestyle Network, grazie al suo impegno nell’accelerare l’introduzione di pratiche sostenibili nel settore della moda.

Alex Albini, fondatore e CEO di IBP: «Sustainable Brand Platform risponde a un bisogno specifico dei buyers, che cercano prodotti sostenibili ma allo stesso tempo spesso lamentano la mancanza di caratteristiche di design dei brand sostenibili. Grazie all’esperienza maturata con Idee Brand Platform noi sappiamo cosa vuole il buyer ma sappiamo anche parlare la lingua dei designer. Ogni anno, scoutiamo tra i 150 e i 200 brand. Inoltre, Sustainable Brand Platform ha una rete di 8 partner e di circa 50 clienti. I marchi che decidono di servirsi di Sustainable Brand Platform ed eseguire un assessment tramite la piattaforma hanno a disposizione aree riservate nel sito e tutti gli strumenti che permettono al team di SBP di raccogliere informazioni dettagliate e fare una valutazione oggettiva del livello di sostenibilità del brand. La sostenibilità viene valutata in cinque macrosettori: Value Chain, Company Sustainability, Community, Traceability & Trasparency, Economics. Sustainable Brand Platform offre su richiesta anche al cliente un servizio di affiancamento per definire le azioni da intraprendere per migliorare il proprio impatto e la propria sostenibilità»

Impatto ambientale della logistica

Nella valutazione della filiera, la piattaforma tiene conto di quattro macrocategorie: le materie prime impiegate, i processi di produzione, il packaging e la logistica. Il secondo step consiste nella valutazione della Company Sustainability. I parametri considerati in questo caso sono molti: la soddisfazione degli impiegati, la parità di genere, i benefit concessi, la creazione di un codice etico e così via. Si procede poi con la valutazione dell’impatto di un brand sulla comunità tramite donazioni, e opere di carità. La quarta categoria considerata riguarda la garanzia di trasparenza e tracciabilità. Infine, la sostenibilità viene valutata in termini economici di fatturato, utili, debiti commerciali e finanziari.

Oltre alle pagine dei brand che raccoglie, Sustainable Brand Platform ha in atto partnership di livello internazionale, come The Canvas, marketplace statunitense che ospita brand sostenibili. Nello specifico, la piattaforma è impiegata nell’assessment di alcuni brand proposti da The Canvas, al termine del quale sulla piattaforma del marketplace comparirà un widget che darà informazioni sulla sostenibilità dei marchi presi in esame, sempre nell’ottica di orientare il consumatore in una scelta consapevole. Partner anche Revolver Copenaghen Trade Show, ai cui brand offrirà una valutazione di sostenibilità, e con la fashion week di Lisbona, ModaLisboa.

Agenzie Riunite

Agenzia di logistica integrata, nasce nel 2010 dalla fusione tra Binfarè Varese e ADG srl, attive da sessant’anni nel mondo editoriale nella gestione e distribuzione di prodotti per il settore, dal quotidiano al periodico al gioco per bambini. Si occupa di logistica, immagazzinamento, trasporto e spedizioni anche nel mondo dell’e-commerce e dei negozi online. Dal 2017 è entrata a far parte del consorzio DotLog, che unisce otto aziende di logistica in tutta Italia.

Ilaria Aceto

L’autore non collabora, non lavora né partecipa, non riceve compensi né finanziamenti, da alcuna azienda o organizzazione che possa ricevere vantaggi economici o di sorta dalla pubblicazione di questo articolo.

SFOGLIA
CONDIVIDI
Facebook
LinkedIn
Pinterest
Email
WhatsApp
Twitter