TESTO
CRONACHE
TAG
SFOGLIA
CONDIVIDI
Facebook
WhatsApp
Pinterest
LinkedIn
Email
Twitter

Natura, scienza, Sicilia: Irene Forte

Coltivati presso il Verdura Resort di Sciacca, in Sicilia, gli ingredienti naturali dei prodotti Irene Forte Skincare sono affiancati da componenti biomimetici

Secondo una ricerca di Stylight Italia sui comportamenti d’acquisto degli utenti nel settore della bellezza, nel prossimo futuro i consumatori preferiranno formule che integrino alla naturalità ingredienti biotecnologici, orientandosi verso nuovi prodotti ‘pharma-natural’. Uno studio di ‘Radiant Insights’, società di ricerche di marketing statunitense ha evidenziato invece come l’aumento dell’uso di prodotti pharma-natural nel settore della cura personale naturale creerà una nuova opportunità per la crescita del settore stesso. Fattori come l’impiego di nuove tecnologie ed ingredienti, l’aumento dell’aspettativa di vita e un numero crescente di donne che lavorano creeranno nuove strade per lo sviluppo di questa tipologia di prodotti nei prossimi anni.

Irene Forte Skincare – clean beauty londinese con radici italiane

Forte Organics, composta inizialmente da nove prodotti, si evolve e, dopo anni di ricerca, diventa Irene Forte Skincare. «Ho iniziato a cercare un laboratorio in Italia che fosse in grado di elaborare formulazioni con ingredienti naturali provenienti dalla Sicilia»., racconta la fondatrice Irene Forte – origini italiane, laureata in Letteratura a Oxford e oggi Wellness Consultant della catena alberghiera Rocco Forte Hotels. Le materie prime arrivano dalla fattoria biologica del Verdura Resort di Sciacca, in provincia di Agrigento, che vanta, tra gli altri, ulivi, aranci, mandorli, melograni, alberi di limoni e un orto che si estende per oltre duemilaseicento metri quadrati. «Nel 2009 ho passato un anno intero al Verdura Resort, lavorando nel team comunicazione. Non avevo un’auto, passavo le serate nel resort a testare prodotti con la Spa Manager», racconta Forte. In riconoscimento dei suoi standard etici, Irene Forte Skincare è stato certificato marchio ‘Butterfly’ dalla compagnia britannica ‘Positive Luxury’, che accredita le eccellenze sostenibili. I prodotti sono vegani, privi di parabeni, paraffine, coloranti, SLES, SLS e fragranze abrasive.

Ingredienti naturali per la cosmesi

Tutti gli ingredienti sono di origine naturale, ma per Irene Forte non tutto ciò che si trova in natura è ottimale per la pelle. Ad esempio, gli oli essenziali sono naturali ma contengono allergeni potenzialmente irritanti, dunque le fragranze della linea sono tutte allergeniche e formulate in laboratorio. «Credo nell’utilizzo di componenti clinicamente testati e scelgo ingredienti che lavorano in armonia tra loro e completano la biochimica naturale del corpo. Cerco attivi naturalmente presenti nella pelle o ingredienti biomimetici, delicati sulla pelle. Sostengo il concetto di psico-cosmesi, nel senso che ciò che mettiamo sulla nostra pelle ci avvantaggia emotivamente e quindi fisicamente». Tra gli attivi più usati nei prodotti ci sono l’acido ialuronico multi-peso molecolare, le ceramidi e il sodio PDA.

L’olio di oliva è ricco di acidi grassi essenziali che consentono alla pelle di trattenere i nutrienti vitali, migliorandone l’idratazione

Irene Forte e Francesca Ferri di EffegiLab

L’incontro con la dottoressa Francesca Ferri, dell’EffegiLab di Trento, ha consentito lo sviluppo degli ingredienti pharma-natural. In tutta la linea sono presenti settantacinque ingredienti, suddivisi in ventisei prodotti retail e quaranta prodotti professionali. Spiega Irene Forte: «Tra gli elementi più apprezzati dai clienti ci sono il fico d’india, considerato un acido ialuronico di origine vegetale, ricco di vitamine K, E, C; il melograno, ricco di vitamina C, flavonoidi e antociani, forti antiossidanti per la pelle; l’olio di oliva, ricco di polifenoli e vitamina E; l’olio di rosmarino, antibatterico ed antinfiammatorio; le foglie di aloe vera; l’olio di pistacchio, che contiene Omega 3, 6 e 9 e idrata la pelle favorendo il rinnovamento cellulare». Menzione per l’ibisco, conosciuto anche come ‘pianta botox’, dai cui semi viene estratto Myoxinol, un complesso oligopeptidico brevettato ricco di alfaidrossiacidi. «Questi peptidi vegetali a doppia azione agiscono sulle rughe di espressione, mitigando la comparsa delle rughe del sorriso e delle zampe di gallina. Le proprietà antiossidanti, poi, aiutano a proteggere la pelle». Myoxinol è ricco di grassi insaturi, come acido oleico e acido linoleico, nonché di aminoacidi e polisaccaridi costituiti, tra l’altro, dall’acido galatturonico, un elemento importante nella composizione delle pareti cellulari. Presenti anche peptidi di piselli verdi, clinicamente testati per dare un effetto lifting alla pelle, oltre che materia prima dalle proprietà volumizzanti, anti-età e antiossidanti. Ogni ingrediente è poi miscelato con l’acqua oligominerale proveniente dalle montagne del Parco Naturale Regionale delle Madonie in Sicilia. Si tratta di acqua particolarmente ricca di magnesio che stimola la rigenerazione cellulare.  

Irene Forte Skincare e Danié Made in Sicily 

Laddove gli ingredienti non possono essere coltivati dall’azienda agricola del Verdura Resort, arrivano da zone limitrofe o da piccoli agricoltori del Trentino. «Ci assicuriamo che i nostri ingredienti provengano da colture che non sono trattate con pesticidi nocivi. Abbiamo anche integrato ingredienti riciclati, realizzati con avanzi vegetali ricchi di sostanze nutritive», dice a tal proposito Irene Forte. I prodotti per la pelle del viso: sieri e tonici; oli; creme idratanti; maschere; sieri contorno occhi; balsami labbra. Per la cura del corpo e delle mani ci sono oli e creme. Disponibili anche due protezioni solari e una crema dopo sole. Da qualche tempo Irene Forte Skincare ha avviato una collaborazione con Danié Made in Sicily, brand di coffe e accessori fondato dall’artigiana Daniela Napolitano. Le coffe sono realizzate a mano utilizzando la curina, ovvero la parte più tenera della palma nana siciliana. In passato, questa veniva utilizzata dai contadini come cesta o contenitore per il trasporto del foraggio degli animali o di strumenti per l’attività agricola. «Queste borse celebrano la ‘sicilianità’ – dice Irene Forte – e danno spazio all’artigianalità italiana». Il 90% dei prodotti è confezionato in vetro riciclabile, con finiture in pietra ispirate alla pietra vulcanica dell’Etna. Alcuni prodotti sono contenuti in involucri di plastica bio-based. Le scatole sono realizzate in carta riciclata FSC ed inchiostri vegetali a base di soia. Le spatole sono in legno d’ulivo, create da un artigiano pugliese. «Sto lavorando per rendere ricaricabili i prodotti da trenta e cinquanta millilitri. In più, sto per lanciare un programma di riciclaggio con ‘First Mile’. La plastica verrà riciclata per diventare altra plastica da reimpiegare in materiali da costruzione o componenti automobilistici». Le SPA che utilizzano i prodotti Irene Forte Skincare, inoltre, hanno integrato un programma di riciclaggio. Alla fine di ogni trimestre vengono raccolte tutte le bottiglie e i barattoli vuoti, che vengono riutilizzati all’interno dei laboratori. 

Anche la catena di approvvigionamento di Irene Forte Skincare è stata colpita dalla pandemia di Covid-19. «Abbiamo avuto carenze di scorte e le nostre SPA sono state chiuse per un anno intero, soprattutto nel Nord Italia. Tuttavia, questo ci ha portato a spostare la nostra attenzione sul retail e sul digitale. Abbiamo firmato con ventiquattro nuovi rivenditori nell’ultimo anno e il nostro e-commerce è aumentato di tre volte rispetto allo scorso anno. Questa pandemia ci ha quindi permesso di rivalutare il modo in cui lavoriamo», illustra Irene Forte. I dati suggeriscono che la cura della pelle continuerà a superare le altre categorie di bellezza e che la cura della persona vedrà una crescita permanente. L’uso di prodotti come disinfettanti per le mani e idratanti diventerà parte della routine quotidiana delle persone. «Lanceremo cinque nuovi prodotti, tra cui un acido ialuronico a tre livelli con basso peso molecolare ed una crema contorno occhi con olio di oliva derivato dai rifiuti degli ulivi. Inoltre, inizieremo a calcolare e tracciare la nostra impronta di carbonio. Stiamo già valutando l’uso di veicoli a basse emissioni per il trasporto dei prodotti e stiamo cercando vari modi per compensare le emissioni di CO2. Stiamo anche esplorando la possibilità di diventare una B-corporation», spiega Irene Forte. In fase di progettazione anche la creazione di una fattoria sociale per supportare le comunità locali siciliane. 

Irene Forte

Origini italiane, laureata in Letteratura all’Università di Oxford ed oggi Wellness Consultant della catena alberghiera ‘Rocco Forte Hotels’, definisce la sua linea di cosmetici naturali. L’idea imprenditoriale di Irene Forte non nasce per caso, ma si sviluppa a seguito di un percorso lavorativo e personale ben definito nel settore beauty. «Nel 2014 ho iniziato a supervisionare le SPA per Rocco Forte Hotels e mi sono resa conto che mancavano prodotti termali con le caratteristiche che io desideravo per i clienti. Ho deciso così di creare una linea, chiamata inizialmente ‘Forte Organics’, che racchiudesse il mio amore per l’Italia, la mia terra natale, e la mia passione per una bellezza naturale ed olistica», racconta.

Anna Quirino

L’autore non collabora, non lavora né partecipa, non riceve compensi né finanziamenti, da alcuna azienda o organizzazione che possa ricevere vantaggi economici o di sorta dalla pubblicazione di questo articolo.

SFOGLIA
CONDIVIDI
Facebook
LinkedIn
Pinterest
Email
WhatsApp
Twitter