Casa Parini, lenzuola di canapa, filiera italiana, cooperativa sociale, lampoon magazine, lampoon italia
TESTO
CRONACHE
TAG
SFOGLIA
CONDIVIDI
Facebook
WhatsApp
Pinterest
LinkedIn
Email
Twitter

Siamo disposti a pagare mille euro una borsa che dura una stagione – perché non per le lenzuola?

L’azienda di Viola Stancati produce i suoi complementi d’arredo nello stabile di via Parini 9, Torino. A lavorarli il team di sarte dell’impresa sociale Colori Vivi. Obiettivo: la ripartenza di una filiera tutta italiana

Casa Parini, lenzuola in canapa biologica

Torino, anni Settanta. Nello stabile al civico 9 di via Giuseppe Parini un’impresa tessile confeziona abiti da lavoro e divise militari. Oggi, nello stesso edificio, c’è la sartoria sociale Colori Vivi. L’impresa punta all’integrazione culturale ed economica di donne in difficoltà attraverso l’inserimento nel mondo del lavoro. Cuciono a mano e confezionano le lenzuola e le federe in canapa di Casa Parini. L’azienda è stata fondata da Viola Stancati, nipote dell’uomo che cinquant’anni fa conduceva l’impresa tessile allo stesso indirizzo. Gli articoli di Casa Parini, da quello stabilimento, sono arrivati al Fuorisalone di Milano. 

Stancati ha lavorato a lungo a Londra nel mondo della moda. Poi ha deciso di ricercare – «come un’investigatrice» – le aziende produttrici di tessuti al cento per cento in canapa biologica. L’obiettivo, la produzione di complementi d’arredo preziosi e a basso impatto ambientale. «Nel mondo del bedding c’era un gap. Da una parte abbiamo queste aziende come Zara Home, Ikea e H&M che creano arredo per la casa a basso costo. Le filiere non sono sempre trasparenti. Usano principalmente cotone e lino. Il cotone – anche quello biologico organico – ha delle criticità. Richiede consumo d’acqua e sta creando problemi ambientali»

Canapa, i problemi della filiera italiana

La canapa che Casa Parini impiega proviene dalla Cina. L’azienda cerca fornitori che certifichino le condizioni di lavoro dei braccianti sul campo, la produzione e il prodotto finale. Il tessuto grezzo è poi spedito alla sartoria in Piemonte. Lì, le sarte si occupano della creazione dei prodotti, cucendo e ricamando ogni articolo a mano. 

«L’Italia – prosegue Stancati – non è più un paese agricolo. Non facciamo più fibre autoctone, da tempo. Un giorno potremmo provare a riportare le produzioni qua, ma non è il caso in questo momento». Stancati si dice fiera dei fornitori da cui reperisce il tessuto, «anche se c’è questo stigma legato alla Cina. Un giorno però mi piacerebbe poter dire che tutta la canapa che usiamo proviene dall’Italia. Sono fiduciosa e credo che succederà, ma ci vorrà tempo».

Canapa: manca dialogo tra governo e produttori

«Ci sono coltivatori che ci credono e che ci hanno creduto per anni. Manca il dialogo tra il governo e i produttori, manca un anello di congiunzione. Io non sono un’esperta di canapa industriale per tutti gli utilizzi che può avere. Ma per quanto riguarda la filiera tessile, questo è il problema: ne abbiamo tanta ma poi non la sappiamo lavorare. Perché manca il know-how, mancano i finanziamenti per poter acquistare i macchinari che servirebbero per lavorarla. Ci sono molti progetti pilota in varie parti d’Italia, ma credo ci sia ancora tanto lavoro da fare. Sono ottimista perché sta crescendo l’interesse. Spero quindi che poi questo si traduca in qualcosa di concreto. Al momento credo ci sia molto utilizzo per la bioedilizia, per i prodotti alimentari, per il CBD. Però il tessile è quello che secondo me è stato più penalizzato. È ancora un po’ indietro, soprattutto per quanto riguarda l’offerta e la varietà dei tessuti che si possono produrre». 

L’imprenditrice torinese spera che «la fibra di canapa ritorni ad avere il posizionamento industriale che si merita. Vorrei che si iniziasse a parlare di più di questa fibra incredibile, nel mondo del tessile. Così anche nel design, che è un settore tutto da esplorare». Lo sguardo ottimista verso il futuro permette alla fondatrice di Casa Parini di riflettere sulla crescita dell’azienda, a partire dai processi di produzione del tessuto. Il prossimo passo, dice Stancati, sarà ordinare dalla Cina solo il filato di canapa biologica – non il rotolo grezzo, come adesso – per farlo lavorare in Italia.

Canapa, tinture e coloranti naturali

Il tessuto grezzo che la sartoria riceve è color naturale. Il marchio propone anche una gamma di colori per offrire un’opportunità di scelta e di mix and match. Le lenzuola sono tinte ‘a capo’ in Italia con tinture ecologiche e senza sostanze tossiche. Dice Parini: «Le tinture sono ‘a capo’: avvengono una volta che sono già prodotti i set. Così cerchiamo di evitare lo spreco, perché magari ordino mille metri di giallo che poi non compra nessuno. Si rischia di sprecare tessuto, quindi noi tingiamo a capo nel senso che una volta fatti i set li facciamo tingere nel biellese da un’azienda che usa tinte House of Three». Quindi: coloranti senza gli elementi tossici tipici delle tinture. Ma ancora, precisa Parini, «per la linea principale delle nostre lenzuola, anche se non usiamo tinture tossiche, quelle che utilizziamo non sono ancora naturali al cento per cento».

Casa Parini lenzuola vendita Italia e all'estero eCommerce Rev En Vert
Nata da poco meno di due anni, Casa Parini vende anche fuori dall’Italia, anche grazie al supporto della piattaforma eCommerce britannica Rev En Vert

Sartoria sociale Colori Vivi, Torino

Un altro aspetto che Stancati vuole sottolineare della sua azienda è quello sociale. «Io sono di Torino e quindi ho deciso di collaborare con un’impresa sociale in Piemonte. In questa sartoria sociale ci sono sarte professioniste, affiancate a donne che invece stanno imparando il mestiere del design e della sartoria. Adesso le sarte sono una quindicina. Non lavorano solo per noi, ma se io cresco, crescono anche loro. Va considerato anche questo aspetto. Produrre in modo etico, in modo che potessi dare qualcosa indietro alla mia comunità»

La canapa come fibra tessile di lusso

Nata da poco meno di due anni, Casa Parini vende anche fuori dall’Italia, anche grazie al supporto della piattaforma eCommerce britannica Rev En Vert. Le vendite dei prodotti in canapa biologica si sono concentrate in Inghilterra. Lì c’è una maggiore sensibilità verso l’ambiente e l’acquisto di articoli sostenibili. Spiega Stancati: «È una questione di mindset. Siamo disposti a pagare mille euro per una borsa che va di moda una stagione. Però una cosa che uno usa tutti i giorni per decenni no? È semplicemente una questione di mentalità. Bisogna cambiare mentalità. C’è ancora uno stigma legato a una fibra ruvida come quella della canapa».

Casa Parini al Salone del Mobile di Milano

A giugno, i complementi di arredo sono arrivati a Milano. L’occasione è stata il Salone Internazionale del Mobile, l’indirizzo la Galleria di Rossana Orlandi in Via Matteo Bandello 14. Lì è stata presentata la prima linea di lenzuola lanciata dal brand. L’azienda ha arredato il primo letto firmato dallo studio di design di Como Draga and Aurel. Ha poi presentato per la prima volta un copriletto di canapa antica. Per la colorazione sono state utilizzate le tinte naturali di Casa Clementina, azienda tessile del biellese leader nelle tinture a basso impatto ambientale.

Per Casa Parini, spiega Stancati, «occorre avere più progetti sempre con la stessa filosofia legata alla canapa. Si va a sensibilizzare sempre di più sulle sue potenzialità. Per noi è un’occasione incredibile. C’è una tendenza che sta cambiando e c’è proprio un interesse sulla casa, appunto. Anche la stessa Rossana Orlandi non penso lavori con molte aziende di biancheria da letto».Le immagini di prodotto realizzate in collaborazione con il fotografo Carlo Pira hanno suscitato l’attenzione da parte del negozio digitale italiano The Dressing Screen. Questo ha favorito l’intreccio tra Casa Parini e altri marchi internazionali di arredo sostenibile. Le collaborazioni sono un tassello fondamentale secondo Viola Stancati. Come, ad esempio, quela con l’azienda Hôtel Magique, per cui Casa Parini ha fornito il tessuto per la realizzazione di tovagliette e tessili per la cucina.

Noemi Soloperto

L’autore non collabora, non lavora né partecipa, non riceve compensi né finanziamenti, da alcuna azienda o organizzazione che possa ricevere vantaggi economici o di sorta dalla pubblicazione di questo articolo.

SFOGLIA
CONDIVIDI
Facebook
LinkedIn
Pinterest
Email
WhatsApp
Twitter